Loading...
22set

Moda & accessori: le funzionalità indispensabili per lo shopping online

Accessibilità da smartphone, percorso d’acquisto semplice e fluido, schede prodotto complete: che questi siano i requisiti fondamentali per un negozio online non è più un segreto. Ma quando parliamo di moda, sono tanti gli accorgimenti e le buone prassi da integrare nel proprio e-commerce per offrire un’esperienza d’acquisto unica ed efficace.

CLIENTI SODDISFATTI = MENO RESI

Design web responsive

Nel settore della moda il 45% – 60% dei clienti usa un dispositivo mobile, sia per una consultazione preliminare prima di andare in negozio, sia per effettuare direttamente un acquisto. Fondamentale non essere impreparati e accogliere il potenziale cliente su qualsiasi device con la migliore interfaccia possibile.

Scorrimento infinito

I grandi brand di moda hanno adottato da tempo il cosiddetto “infinite scrolling”, una modalità di caricamento dei prodotti che evita di cambiare sempre pagina per vedere tutti gli articoli presenti in una certa categoria. Ideale per ridurre i clic e facilitare la navigazione, mantenendo il focus sui prodotti.

Filtri, livelli e brand

In un e-commerce con numerosi prodotti disponibili gli utenti non possono fare a meno dei filtri (tipo di prodotto, taglia, colore, ecc.), che permettono di visualizzare solo i prodotti corrispondenti alla ricerca effettuata. 
Gli e-commerce multibrand possono proporre anche una navigazione per marchio, al fine di orientare gli utenti verso i prodotti desiderati e ottimizzare navigazione e conversioni.

Guida alle taglie

Uno strumento utilizzato dal 90% dei negozi on-line. Che tu venda vestiti, intimo, gioielli o cinture, metti a disposizione dei tuoi clienti una guida alle taglie per aiutarli a scegliere l’articolo giusto e ridurre al minimo il rischio di resi.

Composizione dei prodotti

Non esitare a mostrare chiaramente la composizione dei tuoi prodotti (necessaria anche per informare l’utente che soffra di eventuali allergie), i materiali utilizzati e le indicazioni per il lavaggio dei tessuti. Ricorda: più le tue schede prodotto sono dettagliate, meno resi avrai, e, soprattutto, una scheda completa ottimizza l’indicizzazione naturale.

Immagini

Ogni cliente desidera vedere, toccare e provare prima di acquistare. Nell’e-commerce, la vista sostituisce il tatto. È quindi indispensabile proporre: immagini di qualità (almeno due per prodotto), degli zoom per vedere meglio la materia e il colore dei prodotti.
Oltre ai classici still life, prendi in considerazione il fatto di mostrare i tuoi capi o accessori indossati: in tal modo i clienti possono avere una migliore anteprima del prodotto ed essere incentivati all’acquisto.

Label ed etichette per mettere in risalto i prodotti

“Best Seller”, “Preferito”, “In sconto”, “Spedizione premium”: le etichette personalizzabili ti aiutano a catturare l’attenzione dei visitatori a partire dalla home page del tuo e-shop.
 Queste label ti permettono sia di rassicurare il clienti sui materiali con cui il prodotto è fatto (“100% cotone”, “oro massiccio”…), sia di offrire informazioni “flash” su moltissime caratteristiche dei tuoi prodotti e della tua offerta commerciale.

Lookbook

Non limitarti a vendere, ma sii di ispirazione per i tuoi clienti, dando loro un panorama complessivo degli abbinamenti possibili.
 Il lookbook ti permette di fare leva sull’aspetto più emozionale dell’acquisto e di aumentare il carrello medio, in quanto spinge il cliente a scegliere più articoli al posto di un solo capo.

[Prestashop]

21apr

5 modi in cui il mobile influenza l’esperienza d’acquisto

Che tu sia un grande brand o il negozio dietro l’angolo, ti sarai accorto che il passaggio al mobile sta profondamente cambiando il comportamento dei clienti dentro e fuori dalla tua attività commerciale.

Le ricerche da mobile legate agli acquisti sono aumentate del 120% nel corso dell’ultimo anno.1

Se da un lato i rivenditori scoprono che il mobile gioca un ruolo fondamentale nel guidare i clienti in negozio, d’altro canto gli acquirenti si avvalgono degli smartphone per qualsiasi attività, incluso l’acquisto di beni o servizi.

Questi momenti di interazione rappresentano una straordinaria opportunità per i brand, che hanno finalmente la possibilità di creare messaggi targettizzati in base all’intento dei potenziali clienti e al contesto d’uso.

Gli ultimissimi dati delle ricerche Google ci danno nuove informazioni su come i brand possono connettersi in modo appropriato con le persone in tempo reale, in ciascuno di quei passaggi che Google stesso definisce come “micro-momenti“.

1. Lo shopping via Smartphone ha creato una nuova “porta d’ingresso al negozio”

Una delle frasi che sentiamo dire più spesso dai retailers dopo aver appreso che tre quarti dei propri clienti iniziano il loro percorso di shopping sul cellulare, e che un terzo degli ospiti che clicca su un annuncio di ricerca mobile arriva effettivamente in negozio.

2. I consumatori sono più affamati che mai di informazioni locali

Le ricerche su Google con “vicino a me” sono cresciute esponenzialmente anno dopo anno. Infatti, secondo la ricerca, il 50% dei consumatori che effettua una ricerca locale su smartphone visita un negozio vicino entro lo stesso giorno, e il 18% di quelle ricerche porta ad un acquisto2.

3. Gli annunci che mostrano un catalogo di prodotti guidano gli acquirenti in negozio

Una su quattro persone evita di entrare in un negozio se non riesce a capire se un prodotto sia in magazzino o meno3. Quindi, se sei un rivenditore multi-canale, sappi che, mostrando agli acquirenti gli articoli che hai in magazzino, stai facendo già metà del lavoro.

4. Gli smartphones sono i nuovi “consiglieri” anche in negozio

L’82% degli acquirenti afferma di consultare il proprio telefono riguardo gli acquisti che sta per fare in un negozio4.
Sorprendentemente, uno su quattro ammette di aver cambiato idea mentre si trovava in fila alla cassa, dopo aver scoperto ulteriori dettagli sul proprio smartphone.

5. Gli acquirenti multi-canale spendono di più

Secondo MasterCard, i clienti che fanno acquisti sia online che offline con un rivenditore specifico acquistano in media il 250% in più.

Nell’insieme questi numeri ci dicono che, a prescindere dall’estensione di un’attività commerciale, i clienti hanno imparato a cercare informazioni su prodotti e servizi ancor prima di entrare in negozio. E decidono se sceglierti o meno in base alle informazioni che scoprono attraverso il loro telefono.

Diventa quindi essenziale ESSERCI, su quello smarphone. Ma ancora più importante è creare esperienze rilevanti che possano affiancare i clienti in tutti i loro micro-momenti, guidandoli per mano nel tuo negozio e incoraggiandoli a tornare spesso.


1 Google global search data, Nov 2014 – Ott 2015
2 Google/Ipsos, “Understanding Consumers’ Local Search Behavior” study, United States, Mag 2014
3 Google, Ipsos MediaCT and Sterling Brands, Digital Impact on In-Store Shopping, Mag 2014
4 Google/Ipsos, “Consumers in the Micro-Moment” study, Mar 2015, U.S.

04dic

Lo shopping nel futuro? mCommerce e App

Che il traffico mobile ha superato quello desktop lo sappiamo da tempo: più del 60% degli accessi avvengono da smartphone o tablet, e l’utilizzo di questi dispositivi si sta diffondendo velocemente anche nelle generazioni più anziane.

Non è un mistero e nemmeno una novità, quindi, che oggi le aziende siano chiamate a curare con impegno la propria presenza online, attraverso strategie improntate a presentare e diffondere nella rete il proprio business, il proprio brand, e ad offrire un’esperienza utente adeguata e stimolante.

Un recente studio eseguito da Dynatrace mostra anche di più.

Intervistando oltre 6.300 utenti maggiorenni distribuiti fra Stati Uniti, Regno Unito, Francia, Germania e Australia, Dynatrace ha raccolto dati e informazioni sulle loro abitudini e metodologie di acquisto, con particolare focus sulla predisposizione al mobile commerce.

 

Sempre più mobile..

Con l’esplicativo titolo “Coming Back To The Digital Future” il report introduce un’interessantissimo spaccato dell’utente internet medio e in particolare della generazione dei Millennials (18-34), sempre più abituati allo shopping online e in procinto di preferirlo all’esperienza dei negozi virtuali.

Il 42% degli utenti mobile (e ben il 60% dei Millennials) utilizzerà il proprio smartphone o tablet per lo shopping natalizio di quest’anno, e più di un quarto (27%) userà il dispositivo per fare acquisti quando si trova in un negozio in cerca di regali: confronto dei prezzi, lettura delle recensioni e download di coupon saranno le attività più svolte.

Sempre più esigenti..

Un’eccellente user experience è richiesta da sempre più utenti, che dichiarano di propendere per abbandonare l’acquisto se il sito mobile o l’app presentano problemi di navigazione, bug o lentezza nel caricamento.

Inoltre, considerando che circa un terzo (32%) non è disposto ad offrire al brand una seconda opportunità per ritentare l’acquisto, ne deriva che assicurare prestazioni impeccabili durante la navigazione sul sito mobile o sull’app è fondamentale per non perdere grosse fette di mercato.

Ma non è finita qui: il 51% dei Millennials esprimerà il proprio disappunto attraverso i canali social, rischiando di generare un boomerang di recensioni negative che porterebbero il brand ad avere grossissimi problemi di reputation.

Sempre più App!

Infine, le App sono il canale di gran lunga preferito dalla generazione dei Millennials: il 62% dichiara di utilizzare l’applicazione poiché assicura una migliore esperienza di navigazione. Interazione, notifiche e servizi basati sulla posizione dell’utente, oltre naturalmente ai coupon, sono le tecniche più efficaci e più apprezzate che possono garantire al brand di riscuotere ampi consensi dal proprio target di consumatori.

 

Lo studio mostra quindi come il mobile, nel giro di pochissimi anni, si sia profondamente trasformato da engagement channel a transactional channel, delineando per ogni brand la necessità di integrarlo nelle proprie strategie di comunicazione multi-canale.

La rivoluzione digitale sta cambiando i comportamenti dei consumatori, le loro esigenze e aspettative: offrire eccezionali esperienze nel momento e nel luogo del loro bisogno è la strategia fondamentale per generare business e creare valore attorno alla propria brand identity.

Chiamaci
059 3167415
 Precedente  Tutti i progetti Successivo