Loading...
25ott

Nuovo accordo tra Google e Yahoo!

Il colosso di Mountain View introdurrà gli annunci pubblicitari all’interno del network guidato da Marissa Mayer.
Molti già si sono spinti a prevedere cambiamenti nelle serp di Yahoo, con ipotesi di “combine” sempre più vicine al modello Page-Brin, ma subito entrambe le parti si sono prodigate nel precisare che gli accordi sono solo relativi agli annunci sponsorizzati e non alle serp, che invece continueranno ad essere indipendenti l’una dai risultati dell’altro e legate solamente agli interventi di ottimizzazione dei SEO e alla qualità dei siti.

Yahoo, forte della consolidata partnership con Microsoft sin dal 2009, sottolinea anche che questo accordo “con la controparte” è complementare e, pur continuando nella operazione di ottenimento di maggiore autonomia nell’esposizione dei risultati rispetto a Bing, non va a lenire i rapporti commerciali preesistenti.

Maggiori opportunità per gli utenti e gli inserzionisti quindi, in un triunvirato che continua ad essere comunque fortemente sbilanciato dalla parte di Big G.

30set

Primer: il digital marketing spiegato (in pillole) da Google

Ancora una volta Google va oltre la classica definizione di “motore di ricerca” per rivendicare la sua leadership in molti altri ambiti, dal business alla didattica.

E proprio a quest’ultima è dedicata Primer, app gratuita e disponibile per Android e iOS che contiene una serie di micro lezioni di marketing non proprio “for dummies”, ma per tutti coloro che vogliano approfondire alcuni temi legati al mobile.

Advertising, Content, Measurement e Strategy sono le quattro aree tematiche che Google insegna, lezione dopo lezione: con una UX impeccabile fatta di elementi grafici chiari e di facile comprensione, gestures intuitive, quiz e test interattivi progettati per mettere alla prova la comprensione dei testi, Primer riesce a creare empatia ed engagement senza ricorrere a chissà quali effetti speciali.

Primer funziona e, parlando di Google, non potevamo aspettarci di meno.
Ma quali sono gli elementi che ne fanno un’App così ben riuscita?

5 cose da ricordare per la nostra prossima app:

  1. contenuti calibrati al device

    le lezioni sono “concentrate” e si possono apprendere in 5 minuti, dunque anche in mobilità;

  2. UX e UI

    interfaccia grafica di grande appeal, ma anche di facile utilizzo. Nessuno sforzo del lettore per capire come interagire con l’app ma, al contrario, gestures semplici e naturali per scorrere gli argomenti, mettersi alla prova con piccoli esercizi pratici, salvare le slides più interessanti e così via;

  3. approccio ludico

    Primer permette di imparare in modo “leggero” e divertente, ammortizzando il crescendo di difficoltà delle micro-lezioni attraverso il “learn by doing”;

  4. personalizzazione

    ogni lettore può creare il proprio percorso di apprendimento in base alle sue attitudini, esigenze e curiosità;

  5. periodicità

    Google promette di aggiungere settimanalmente nuove lezioni, mantenendo viva la curiosità del lettore e incoraggiandolo nell’utilizzo periodico dell’App.

Menzione speciale: storytelling

In ogni suo prodotto, Google è un vero maestro nell’arte di raccontarne l’ideazione, la nascita, gli obiettivi. Poche righe nella sezione about ci catapultano nel cuore di Mountain View, dove pare che i migliori marketers si siano messi al lavoro per aiutarci a costruire il nostro successo.

When people succeed, Google succeeds – potevano forse raccontarcela meglio di così?

23giu

Innovazione e Web Marketing #wmf15

Utilizzando noi SEMRush da qualche annetto, uno strumento professionale per analisi seo/sem su siti, siti competitors e contesto di riferimento; sono andata a seguire  i primi due speech sponorizzati.

Quello Nichola Stott, per theMediaFlow, che ci ha fatto riflettere non tanto sulle grandi idee creative, quanto piuttosto su come queste nascano. Ovvero dietro ad una buona idea c’è sempre un ottimo brief ed un rapporto di fiducia con cliente. Ed è grazie alla costruzione di questo rapporto che si rende possibile indagare a fondo valori, linee guida, posizionamento e a tradurre così in successo un certo tipo campagna/comunicazione. Il questionario è sicuramente uno strumento utile al reperimento di informazioni  e dedicare del tempo a questa fase può davvero fare la differenza quando poi si andrà a progettare una campagna creativa (di successo).

Subito dopo è intervenuto Dixon Jones, per MajesticSEO e ci siamo interrogati su come prendono le decisioni online gli utenti. Utilizzano i motori di ricerca o vanno sui social?

Tutti noi siamo portati a chiedere informazioni ad un’amico, tuttavia quando andiamo online interroghiamo un motore di ricerca e se ritrovassimo qui le stesse dinamiche di gruppo? Esistono svariati tools in grado di individuare gruppi di influencer su temi specifici e grazie al monitoraggio di questi è possibile settare la propria strategia di web marketing. Majesticseo è uno di questi e confrontandomi sia in sala che fuori con i vari “addetti ai lavori” è sicuramente uno strumento, insieme a semrush che va messo nella valigia del “buon consulente seo” che tende ad un posizionamento medio/alto, dove ogni azione è supportata da un’attenta pianificazione. Pianificare significa studiare e analizzare, quindi investire tempo ed il tempo è un valore significativo a garanzia di ogni tattica.

Passando alla sala “social”, Jacopo Laganà di Antony Morato, ci ha portato la sua esperienza: come ha lavorato su Facebook per generare una lista di possibili clienti.  Jacopo non si è risparmiato nel condividere dati, successi ed anche “errori” circa le campagne condotte. Ovviamente quando si parla di errori si fa riferimento a test, nessuno detiene la verità assoulta soprattutto quando si lavora in un campo dove tutto è sperimentazione, ma proprio grazie alla misurabilità delle attività è possibile andare ad ottimizzare i budget ed i successivi interventi.
Tuttavia credo che l’utilizzo del power editor di Facebook ads, sia efficace se calato in realtà particolarmente complesse dove oltre che a gestire budget corposi si ha l’esigenza di targetizzare e affinare costantemente la propria audience.

Questo speech mi ha colpito particolarmente sia per il taglio molto vicino ad un worshop che per i contenuti, inoltre la direzione che abbiamo intrapreso con Crearevalore, sul lead nuturing, si conferma essere corretta. Di cosa si tratta?  Stimolare attraverso fb ads chi si è iscritto ad una newsletter e non ha ancora compiuto azioni, ad esempio: acquistato un prodotto.

Mentre l’intervento di Lukasz Zeleny, di uSwitch Ltd, si è concentrato sulla lettura di analytics e nella costruzione di grafici in grado di mostrare a colpo d’occhio l’efficacia o meno di una strategia di web marketing, attraverso il monitoraggio del sito e delle visite effettive. Una metodologia utile a rendicontare i risultati raggiunti attraverso determinate attività seo/sem.

Ho deciso poi di chiudere la giornata con Michele de Capitani, di Prima Posizione srl, che ha condiviso un’approfondimento circa le attività di reverse link building sui competitors. Anche in questo caso si è ribadito la centralità del contenuto anche per quanto riguarda l’algoritmo google che determina oscillazioni nelle serp (risultati che il motore restituisce privilegiando siti a discapito di altri).

Del secondo giorno mi sono portata a casa i 2 workshop, quello con Achille Falzone di Media Mente su come condurre un’analisi di mercato per internazionalizzare il business e quello di Eleonora Cipoletta di doing, una grande amica e professionista che ha riportato un’analisi live del monitoring dell’evento stesso #wmf15.

Eleonora ha analizzato i dati ed i contenuti pubblicati dagli utenti mostrando le potenzialità di vari strumenti come Randian6 e talkwalker, individuando i maggiori topic ed influencer. I documenti di analisi che nascono da attività di monitoring diventano efficaci nel momento in cui riescono a tradurre opportunità strategiche, da qui l’importanza del settaggio e della definizione degli obiettivi.

Quello di Achille invece è stato forse il relatore più provocatorio che ho seguito, molto operativa la prima prima parte del workshop in cui ha mostrato alcuni strumenti google gratuiti che appartengono alla suite Translate come ad esempio: global market finder, consumer barometer, google trands, ecc.

Fin qui tutto tranquillo, ci trasmette come dare concretezza alle attività di consulenza ed individuare mercati potenziali.

“Non basta aver venduto due macchine in Repubblica Ceca per decidere di esportare lì il proprio business”. [Achille Falzone]

D’accordissimo, ma la vera provocazione è stata lanciata quando ha presentato la sua case history: un produttore di calze da uomo, con un buon prodotto ed un buon posizionamento sfiduciato da precedenti esperienze web verso l’estero. La capacità di spesa c’era ma non la volontà o almeno non fino a quando non avrebbe visto dei risultati.

Così il consulente con un grande occhio e sicuro del valore che avrebbe portato se il cliente gli avesse accordato la massima fiducia, che cosa ha fatto?

Gli ha fatto spendere poco, vendendo solo l’ecommerce e le varie implementazioni tecniche, ovvero la parte minoritaria del progetto e si è fatto carico di tutta l’attività di consulenza. Un lavoro secondo me, giornaliero di monitoring e analisi che ha portato il cliente ad incrementare di oltre il 300% il fatturato annuo.

Riassumendo il cliente con un investimento minimo si è visto il fatturato lievitare e ha costruito un rapporto di massima fiducia con il consulente. Quest’ultimo però non gli ha di certo regalato il lavoro di consulenza, si è fatto riconoscere a vita il 40% sugli utili.

Da qui possono nascere svariate discussioni ma quello che a noi interessa non sono le modalità più o meno discutibili a seconda dei punti di vista, quanto piuttosto che la consulenza ha un valore enorme che deve essere riconosciuto.

Le aziende di servizi lavorano sul proprio know how e sul tempo dedicato, mentre la tecnologia, il prodotto: un sito, un’app sono strumenti che vengono definiti dopo la strategia e la pianificazione delle risorse. L’altro aspetto è la fiducia nel proprio prodotto e nel consulente, in questo probabilmente lo stesso imprenditore non ne aveva su entrambi i fronti, ma gli è stato dimostrato che con alcuni strumenti era possibile centrare i paesi con maggiore richiesta e realizzando un sito rispondente a necessità particolari avrebbe generato profitto, facendo così la fortuna sua e del consulente che ha investito scommettendo sul proprio lavoro.

Secondo me questo è uno spunto di riflessione molto forte che riguarda da vicino consulenti, agenzie e clienti, che cosa ne pensate?

Ringrazio @giorgiotave e tutto lo staff di @ilfestival e @GTMasterClub per quest’edizione, un abbraccio speciale ad @4n1ka per il suo sorriso e per aver moderato tutti gli speech seo con lo spirito di una guerriera 😉

 

Chiamaci
059 3167415
 Precedente  Tutti i progetti Successivo